La Storia 2


La fine degli anni settanta è segnata da diversi cambiamenti in società. Il maestro Tomassini lascia Jesi per la Francia, mentre il presidente Magini si dimette e nel 1980 il suo posto viene preso da Alberto Proietti Mosca, spoletino di nascita jesino d’adozione, che ancora oggi guida il Club dopo 28 anni di successi, grandi soddisfazioni e qualche rammarico.
Restiamo però ai primi anni ottanta. Dietro Annarita Sparaciari e Susanna Batazzi che nel 1979 conquistano rispettivamente il campionato del mondo under 20 di fioretto e il campionato italiano assoluti, spunta un campioncino in erba, Stefano Cerioni. Il “figlio maschio” di Triccoli, così come verrà chiamato per il suo rapporto speciale con il maestro, fa storcere il naso ai puristi del fioretto e lascia a bocca aperta gli avversari. Cerioni regala al Club le prime medaglie olimpiche, con il bronzo individuale e l’oro a squadre a Los Angeles 1984. E nel 1988 si laurea campione olimpico di fioretto. Entriamo nei primi anni novanta, nel regno cioè di Giovanna Trillini che a Barcellona ’92 conquista un doppio oro. Tempo pochi anni e un’altra regina di casa impone il proprio fioretto sul tetto del mondo. È Sua Maestà Valentina Vezzali.

Il racconto della storia del Club si chiude qui. Siamo ormai alla cronaca di oggi, con la Vezzali che vince per la terza volta consecutiva la gara individuale di fioretto alle Olimpiadi di Pechino 2008. Nel frattempo, però si è spento il maestro che le aveva formate e preparate. Ma per fortuna la storia del Club non si è arrestata, grazie ai tanti allievi di Triccoli che continuano la sua opera nella palestra di via Solazzi.

La Storia 1

+Copia link